Serie A spezzatino anche senza coppe: i diritti tv rovinano il fantacalcio

Il calcio italiano diventa sempre più ad uso e consumo delle televisioni, l’effetto spezzatino si moltiplica inguaiando gli appassionati del fantacalcio.

Turni su quattro giorni, possibilità di spostare le partite sul modello della Premier League e orari sempre più confusionari. Il calcio italiano si appresta a vivere l’ennesima rivoluzione per il suo modello di campionato.

Serie A spezzatino
La Serie A sempre più frammentata (LaPresse) – calcionow.it

La Serie A potrebbe cambiare nuovamente, la possibilità non piace proprio né alle società e nemmeno a quanti giocano al fantacalcio, il prossimo quinquennio dei diritti tv sarà ancora più caotico. In queste ultime ore, in base alle esigenze del bando tv, sta emergendo una possibilità importante per stabilire il quadro del campionato, gli orari si fanno sempre più frammentari.

È un calcio che dovrà cambiare format televisivo, ci saranno nuovi punti di riferimento per il prossimo futuro, concedendo ai tifosi una settimana di calcio con o senza coppe. Una sorta di maratona spezzettata, in questo caso già stabilita a priori e non da modificare nel corso del campionato.

Serie A spezzatino, le novità

Si parte da un dato di fatto, perché quando si parla di spezzatino calcistico dobbiamo considerare tutto ciò come già assodato. Solo in due-tre giornate del campionato si verifica una contemporaneità con almeno tre partite nella stessa fascia oraria, le domeniche “romantiche” con radio e 90° minuto sono già state dimenticate da un bel pezzo, spesso la domenica alle 15 c’è una sola partita che spesso è disputata tra squadre della parte medio bassa della classifica. Il nuovo format prevede 10 gare in 9 orari diversi.

Diritti tv rovinano fantacalcio
Il derby si potrebbe giocare alle 15 per motivi di ordine pubblico (LaPresse) – calcionow.it

Solo la domenica pomeriggio la giornata avrebbe due gare alle 15, prima e dopo ci sarà da appuntare gli orari quasi con precisione millimetrica. Quanti giocano al fantacalcio e quanti vorranno seguire il tutto allo stadio dovranno ricordare come il turno inizierà dal venerdì alle ore 20,45, passando al sabato con tre slot alle 15, 18 e 20,45, arrivando alla domenica con la gara di pranzo, le due delle 15, quella delle 18 e il posticipo serale.

L’unica grande novità potrebbe essere rappresentata dalla gara in chiaro del sabato sera. Le emittenti televisive valutano questa opportunità, resterà da capire chi si aggiudicherà questo boccone prelibato dal punto di vista pubblicitario. Sky si appoggerebbe su Tv8 e Cielo, Mediaset sulla rete ammiraglia, mentre Dazn potrebbe trovare poi un accordo in seguito.

Di certo, la Serie A non è quella di tanti anni fa, l’appeal del campionato è perso da tempo. E non soltanto per il livello tecnico delle squadre in campo.