Mercato Juve, un big fa le valigie: già scelto il sostituto

La Juventus ha risolto il problema della fascia destra grazie ad una cessione. Un giocatore di Allegri sta andando in Premier.

Il tecnico della Juventus, da inizio stagione lamenta la mancanza di una copertura adeguata della corsia di destra, questo a prescindere dallo schema utilizzato. Che sia 3-5-2, 4-4-2 o comunque una linea difensiva a quattro, l’allenatore toscano ha fatto una chiara richiesta alla società.

McKennie e Rabiot, potenziali cessioni della Juventus.
McKennie e Rabiot, due gioielli di Allegri.

La Juventus infatti su quel versante non ha un vero padrone. Si sono alternati almeno in tre in quel ruolo. Una situazione che Allegri non vuole più accettare, sia perché serve continuità in quella posizione, sia perché essendo adattati, i giocatori non vengono sfruttati in base alle loro migliori caratteristiche.

Juve: una cessione dolorosa per arrivare al terzino

Sul mercato di gennaio, la Juventus ha accettato di effettuare una cessione dolorosa, pur di accontentare il proprio tecnico. La scelta è caduta su un reparto che al momento, anche se non a livello puramente qualitativo, appare completo.

Weston McKennie è vicino alla cessione in Premier.
Weston McKennie indica la via.

La Vecchia Signora quindi sta portando a conclusione la trattativa per la cessione di un mediano prezioso, arrivato nell’estate 2021 dallo Schalke 04 per 21,5 milioni. In campionato per lui 1151′ spalmati su 15 match, conditi da 1 gol, 1 assist ma soprattutto tanti chilometri percorsi. La Juventus sta per cedere Weston McKennie

Juventus: Weston McKennie al passo d’addio

Dopo lunghe riflessioni, anche in base alle richieste pervenute sul mercato, la Juventus ha deciso di cedere Weston McKennie. Il tuttofare texano, scadenza del contratto 2025, ha tanti estimatori. McKennie infatti è attenzionato sia dal suo vecchio campionato, la Bundesliga, sia dalla Premier. Alla fine la scelta è caduto sul campionato più ricco del Mondo.

Il Leeds accelera: vuole McKennie a gennaio

Il sodalizio dello Yorkshire non sta vivendo una stagione indimenticabile. Il Leeds infatti, dopo 19 turni, è quindicesimo in Premier, a soli 18 punti. Il club quindi ha scelto il mercato per risalire, il primo profilo su cui puntare è proprio quello di Weston McKennie.

Un filo americano unisce Leeds e McKennie

Come riporta il sito gianlucadimarzio.com, l’affare tra Juventus e Leeds viene agevolato anche da un fattore “identitario”. Il club inglese è di proprietà statunitense e sulla sua panchina siede un tecnico stelle e strisce, Jesse Marsch. Non bastassero queste due coincidenze, nella rosa di prima squadra figurano altri due nazionali americani, Tyler Adams e Brenden Aaronson. Entrambi hanno condiviso con lo juventino l’avventura dei Mondiali in Qatar. I contatti tra i due sodalizi sono avanzati, non sono ancora emersi dettagli sul costo dell’operazione. L’affare dovrebbe comunque chiudersi per una cifra di almeno 20 milioni di euro.

Vice Cuadrado: la Juve forte su Maehle

La rinuncia a McKennie deve comportare l’arrivo di un terzino di ruolo. La scelta della Juventus è caduta su Joakim Maehle, in gol contro i bianconeri nel 3-3 all’Allianz Stadium dell’ultima giornata di campionato. Il centrocampista danese infatti, garantirebbe ad Allegri la possibilità di giocare su entrambe le fasce, sia da quarto sia da quinto. L’Atalanta lo ha acquistato nel gennaio 2021 al Genk, pagandolo circa 14 milioni. Nove reti in 34 match con la Danimarca, Maehle ha un contratto con gli orobici fino al 2025. In campionato ha giocato 17 gare, con una media di 57 minuti, non un intoccabile per Gasperini quindi. La Juventus stringe, sul piatto pronti circa 15 milioni per l’esterno nato 25 anni fa ad Østervrå.