Mourinho tradito, la scelta è davvero assurda: “Spalletti al suo posto”

José Mourinho tradito dal presidente. L’allenatore portoghese stenta ancora a crederci. L’ombra di Luciano Spalletti sbuca alle sue spalle. 

La Serie A è ferma, com’è chiaro, per lasciare spazio ai Mondiali In Qatar, giunti già alla seconda giornata della fase a gironi. Una fase a gironi che ha regalato, fin qui, non poche emozioni tra cui le clamorose sconfitte di Argentina e Germania rispettivamente contro Arabia Saudita e Giappone.

Mourinho tradito dal presidente.
José Mourinho, allenatore della Roma – calcionow.it

Due nazionali, quella sudamericana e quella teutonica, chiamate ora a vincere contro Messico e Spagna per non rischiare di abbandonare anzitempo la manifestazione che, almeno alla vigilia, le vedeva tra le squadre favorite al successo finale.

La strada è sicuramente tortuosa e sbagliare non si può più, visto il valore di primissimo livello degli uomini a disposizione di Scaloni e Flick. Un passo falso, per quanto doloroso, si può anche accettare, due purtroppo no.

A Russia 2018 le due compagini non hanno brillato, pertanto quella attuale in Qatar dev’essere l’edizione del riscatto e magari della riconquista della coppa che in Germania manca dal 2014 e in Argentina addirittura dal 1986.

Serie A, la Roma di Mourinho chiamata a risalire

Come detto, i principali campionati del mondo sono fermi per via del Mondiale. Campionati, tra i quali la Serie A che, a differenza di Premier League e Ligue 1, non tornerà in campo prima del 2023.

La ripresa del campionato italiano è infatti fissata al 4 gennaio, quando andrà in scena la sedicesima giornata. Una sedicesima giornata che, oltre al big match Inter-Napoli, proporrà anche la sfida dell’Olimpico, in programma alle 16.30, tra la Roma di José Mourinho e il Bologna di Thiago Motta.

Un incontro, quello tra giallorossi e rossoblu, che mette di difronte due squadre con due stati d’animo completamente diversi. I capitolini hanno racimolato appena due punti nelle ultime tre partite disputate prima della sosta.

I felsinei, invece, dopo aver incassato sei gol dall’Inter, hanno rialzato subito la china annientando, col punteggio di 3-0, il malcapitato Sassuolo di Alessio Dionisi. Un trionfo fondamentale per gli emiliani che ora navigano tranquillamente a centro classifica, a quota 19 punti, con ben 12 lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione e otto di ritardo sul sesto posto che la Roma al momento condivide con l’Atalanta di Gian Piero Gasperini.

Moratti preferisce Spalletti a Mourinho.
Il tecnico del Napoli, Luciano Spalletti – calcionow.it

Mourinho tradito dal presidente: “Meglio Spalletti”

Intervenuto qualche giorno fa ai microfoni di Radio Kiss Kiss, l’ex presidente dell’Inter, Massimo Moratti, ha parlato di Mourinho, allenatore che nella stagione 2009-2010 condusse i nerazzurri a uno storico Triplete.

Elogiando il lavoro dell’allenatore, l’ex numero uno della Benamata ha detto la sua, probabilmente anche alla luce di quanto sta accadendo in Serie A attualmente, su quale tecnico, tra il portoghese e Luciano Spalletti, sceglierebbe per guidare la sua Inter se fosse ancora al comando:

“Se fossi ancora ancora il presidente dell’Inter chi sceglierei tra José Mourinho e Luciano Spalletti? Oggi direi Spalletti”.

Una risposta, questa, che l’imprenditore 77enne, ha poi ovviamente spiegato per evitare fraintendimenti:

“Per stima e conoscenza, per me José rimarrebbe sempre la sicurezza. Sotto un aspetto di novità, però, prenderei Spalletti per il quale nutro una grande ammirazione e che sicuramente riuscirebbe a fare bene. Ecco, se fossi ancora il presidente dell’Inter, sceglierei sempre Spalletti”.