Il Messaggero non ha dubbi: “Sarri e Giuntoli insieme”, ecco dove

Maurizio Sarri e Cristiano Giuntoli con i loro club stanno ottenendo risultati straordinari. Presto potrebbero tornare a lavorare insieme.

La classifica della serie A non mente, in testa con comanda con 72 punti la corazzata azzurra del Napoli. Dietro, decisamente a sorpresa, seppur distanziata di 19 lunghezze, c’è la Lazio.

Giuntoli e Sarri potrebbero tornare a lavorare insieme.
Giuntoli e Sarri insieme al Napoli.

Tra i segreti della due squadre che stanno dando il meglio in serie A ci sono due uomini che hanno già lavorato insieme. Maurizio Sarri ha infatti allenato il Napoli per tre stagioni, dal 2015 al 2018. Quel triennio coincide con l’avvento a Napoli dell’attuale direttore sportivo, Cristiano Giuntoli. L’uomo mercato di Aurelio De Laurentiis firmò col Napoli per 4 anni nel luglio 2015, andando a sostituire Riccardo Bigon.

Napoli e Lazio: stagioni record

Il Napoli e la Lazio stanno vivendo un’annata straordinario, pur dovendo sottolineare come quanto espresso dal gruppo di Lucio Spalletti a breve potrebbe entrare nella leggenda. Il Napoli di fatto potrebbe essere già Campione d’Italia a metà aprile, realizzando un record di precocità senza precedenti. Non bastasse l’eventuale pezzetto di stoffa triclore che a breve invaderà la citta di Totò ed Eduardo, il Napoli il 12 aprile giocherà a San Siro l’andata dei quarti di finale di Champions contro il Milan. Passasse il turno, in semifinale troverebbe una tra Benfica e Inter. Insomma, si sogna sul cielo di Napoli.

Giuntoli, arma del mercato del Napoli.
Il ds del Napoli, Cristiano Giuntoli.

Quanto compiuto dalla Lazio potrebbe invece rappresentare una svolta storico a livello economico. Se i biancocelesti a fine anno centrassero la qualificazione Champions, con Maurizio Sarri si potrebbe finalmente aprire un ciclo unico, grazie soprattutto agli introiti della massima competizione calcistica europea. D’altronde, la crescita della Lazio nel secondo anno a guida Sarri, dopo 27 turni, è evidente: 53 punti invece dei 43 di 12 mesi fa; 15 successi contro 12; differenza reti che passa da +12 a +23; infine, ben 16 gare senza subire gol contro le sei della stagione 2021-2022. Unico neo, l’insufficiente prestazione europea della Lazio, eliminata prima dall’Europa League, quindi dalla Conference League. Secondo Il Messaggero, Sarri e Giuntoli potrebbero tornare a lavorare insieme.

Il Messaggero: “Giuntoli lavorerebbe volentieri con Sarri”

Come raccontato, dal 2015 al 2018 Maurizio Sarri e Cristiano Giuntoli, prima dell’annata odierna, col Napoli avevano toccato le vette più alte dai tempi degli scudetti targati Diego Armando Maradona. Ora, secondo il Messaggero, Cristiano Giuntoli potrebbe ricongiursi a Sarri, stavolta in un’altra metropoli.

Il giornale romano: “Giuntoli con Sarri alla Lazio”

Anche in una stagione che qualche soddisfazione alla Lazio la sta regalando, vedi i due derby vinti con la Roma di Mourinho, a Formello non sono solo sorrisi. Aumentano i rumors su una sorta di incompatibilità di base tra il tecnico Sarri e il ds Igli Tare. Quest’ultimo è in scadenza di contratto, al momento non sarebbero arrivate offerte ufficiali di rinnovo da parte di Lotito, Tare però si dice certo della sua futura permanenza a Roma. Quello che è altrettanto sicuro è che Sarri accoglierebbe Giuntoli a braccia aperte, vista la stima reciproca tra i due.

Juve e Lazio su Giuntoli: De Laurentiis lavora al rinnovo

Il lavoro straordinario di Giuntoli sul mercato non è sfuggito a nessuno. Il dirigente fiorentino sia a Napoli, sia col Carpi alla sua prima esperienza da ds, ha fatto cose straordinarie, portando gli emiliani in serie A. Su Giuntoli, contratto in scadenza nel 2024, c’è forte anche la Juventus oltre alla Lazio. Il ds guadagna circa 1 milione più bonus e incentivi, cifra che De Laurentiis sarebbe pronto a irrobustire sensibilmente, avendo già proposto a Giuntoli un rinnovo fino al 2028. Difficile dargli torto, Giuntoli ha coniugato risultati e bilanci sani, tra i pochissimi a riuscirci in serie A.

Impostazioni privacy